Icons & Inspirations

Tributo ad Anita Pallemberg, l’ultima groupie

Posted on in Icons & Inspirations

Diamo l’addio alla grande Anita Pallemberg , musa dei Rolling Stone, compagna storica di Keith Richards e icona indiscussa degli anni 70 che si é spenta il 13 Giugno scorso a Chichester, Regno Unito all’età di 73 anni.

 

Italo-tedesca nata a Roma nel 1942 , comincia la sua carriera come modella in Italia , poi in Francia e a New York dove frequenta assiduamente la Factory di Andy Warhol e dove accresce la sua dirompente personalità.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Approda gloriosamente nella “Swinging London” ed é lì che debutta come attrice.

In tutto compare in una decina di film tra cui: “Barbrella” di Vadim, in cui interpreta la regina nera al fianco di Jane Fonda, “One plus one “ di Godard e “Performance” insieme ad un debuttante Mick Jagger, collaborazione che porterà con sé delle conseguenze

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Il primo contatto di Anita con i Rolling Stone fu Brian Jones, allora icona della moda londinese e fontatore della band. Alcune voci parlano di presunte violenze da parte di BJ nei confronti di Anita e di un avvicinamento di Keith Richards con il quale, a partire dal ’69, farà coppia fissa per 12 anni. Lo stesso anno Brian Jones viene ritrovato morto nella sua piscina. Nasce la coppia più glamour della scena del rock mondiale. Lo stesso Keith Richards afferma di essere diventato un’icona di stile per via degli abiti che la sua ragazza gli prestava e, infatti, vestivano spesso allo stesso modo e per un periodo portano anche i capelli identici.

 

 

 

Anita influenza l’estetica del gruppo in maniera sostanziale e ne é ovviamente la musa prediletta.

Gimme Shelter” in particolare viene scritta dopo la scoperta di una relazione tra lei e Mick Jagger avvenuta durante le riprese del film Performance.

Amata per il suo temperamento artistico e per la sua passionalità, Anita fu lei stessa una leggenda del rock. Con il suo stile personalissimo e innovativo ha disegnato il mito della band che non sarebbe stata la stessa senza la “sesta Rolling Stone”.

Del glam rock faceva parte anche la droga con la quale la coppia intrattenne un rapporto molto intenso e che causo’ non pochi scandali.

Nonostante le dipendenze, di cui Anita non riusci mai veramente a liberarsi se non verso la fine degli anni ’90, Keith e Anita ebbero tre figli: Marlow, Angela e Tara. La più piccola dei tre mori’ all ‘età di 10 mesi per una polmonite.

Un legame, il loro, che non si spezzo mai neanche dopo la fine della loro storia, un amore al di là delle convenzioni come al di là delle convenzioni era la bellissima ma fragile Anita che riusci a lasciare un‘impronta significativa nella memoria colletiva.

Rest in peace Star.


Rispondi